lunedì 12 aprile 2010

Testate al muro 2.0

Sono un tipo abbastanza pacato. E per pacato intendo che non solo ho, ma anche dimostro una buona dose di serenità da assumere preferibilmente dopo i pasti.
Certo, a volte mi incazzo come un giaguaro storpio e bestemmio in rima baciata così tanto da avere già un posto prenotato in sei o sette gironi infernali, purtuttavia mi ritengo un tipo normalmente sobrio e tranquillo come Sid Vicious e se non sapete chi sia siete pregati di uscire.
Eppure anche per un tipo pacato come me, che non farebbe male ad una mosca ma sgozzerebbe per cinque euro un cucciolo di panda, ci sono alcune cose che mi danno veramente fastidio.
E per fastidio non intendo la sensazione paragonabile al morso di zanzara sul polpaccio nelle serate estive, ma una forma di odio viscerale al cui confronto le crociate cristiane in Cappadocia furono delle goliardiche gite fuori porta, anche se non riesco ad immaginare come possano entrare interi plotoni di crociati sul mio pianerottolo.
Tanto per fare un esempio, odio la carne di agnello e di tutti gli ovini in generale.
Anche solo l'odore può farmi rivedere il panettone del natale '72, il che considerando il fatto di essere nato del '74, vuole dire vomitare gli avanzi della mia vita precedente.
Odio il calcio.
E ancor di più tutti i giornalisti che parlano di calcio. Praticamente dei falliti che da grandi sognavano di scrivere pezzi da premio pulitzer ma che si sono ridotti a parlare di 22 idioti con un Q.I. paragonabile a quello di una gallina con la meningite che si passano una sfera, anche se statisticamente superiori ad Emilio Fede che notoriamente riduce il suo campo descrittivo ad uno solo dei suddetti.
Con tutto il rispetto per le galline diversamente abili.
Odio la chiesa e tutto il fumo che vi ruota attorno. E non parlo di spinelli dietro le sagrestie, ma degli spacciatori di parole che operano all'interno. Ritengo le religioni, qualunque esse siano, mirate all'adorazione di un essere supremo come una perdita di tempo lesiva verso l'intelligenza umana, che ritengo l'unica forza universale che andrebbe coltivata.
Odio i dittatori.
Odio chi si erge a conduttore dei popoli, a moralizzatore delle masse.
Odio chi considera un punto di vista differente come un attacco personale e non come la semplice espressione della libertà umana.

Ho scelto proprio il paese giusto dove vivere.
Ma vaffanculo!

11 commenti:

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

D'accordo su tutto, ma il cucciolo di panda sgozzato noooooooooooo!

MasterMax ha detto...

@Jane: preferisci un cucciolo di altro animale? Fa lo stesso: sempre 5 euro.

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Sei un mostro :D

elisabetta ha detto...

bè dai odiamo le stesse cose...per 5 euro ti sgozzo tutta la famglia del panda comunque..

pOpale ha detto...

Caro Sid V. continuo a sperare ... ma comincia a diventare difficile pure quello!
Firmato Joe S.

Regina Madry ha detto...

concordo, ma vaffa..... :((

Ps: prima del panda ci sarebbero altre specie... ;))

giuliana ha detto...

mi ricorda quello che provo per l'assemblea condominiale...

Bruja ha detto...

...mi associo...:-)
un pò di tempo fa stavo pensando di andarmene via da questo paese di m....a, ma lo sai che è un casino trovare un posto che rispetti la dignità umana?...:-(

MasterMax ha detto...

@Jane: Yessss, I know :)ù

@Elisa: krumira!!

@pOpale: concordo... saludos Joe!

@Regina: le nutrie?

@giuliana: uhm... dev'essere un bell'ambientino anche il tuo palazzo :)

@Brija: lo so lo so, avrei dovuto farlo qualche tempo fa...

Felipegonzales ha detto...

Se odi i dittatori ti conviene cominciare a cercare un posticino all'estero...

miciapallina ha detto...

Sai un mostro ma ti adoro.... e più tardi farò leggere quella dichiarazione d'amore a GG.... e siccome lui è l'essere più "sintetico" che esiste ... lo torturerò un po!
nasinasi

p.s. se però poi trovi un posto dove vivere... che non sia utopia, fai un fischio che mi trasferisco!