lunedì 6 febbraio 2012

Perché i food blogger partoriscono solo mini gourmet

Che a me piaccia la cucina credo non sia un mistero per nessuno, soprattutto per gli amici invitati a degustare novità ed antiche ricette al nostro desco e per la mia compagna di vita, costretta a ripulire la cucina dopo i miei attacchi d'arte alla Mucciaccia, ma senza colla.
Come ogni appassionato di cucina e blogger per giunta, annovero all'interno del mio google reader (perché io sono troppo moderno, cosa credevate che passassi tutti i vostri blog uno per uno? tzé! ) svariati blog di cucina che sapaziano dal blog della casalinga che posta ricette della nonna con precotti e surgelati che persino la Parodi (si, quella che chiude sempre il forno con un calcio di tacco 12 da far urlare qualsiasi feticista) avrebbe orrore a proporre abbinate a foto scattate dal cellulare regalo del marito di 10 anni fa, ai blog delle più rinomate e chic food blogger capaci di presentare una zuppa di pane e acqua come un piatto da servire ad una cena di capi di stato al quale persino sua maestà Ramsey farebbe la ola, abbinata a foto in cui il piatto di pura porcellana francese disegnato da Giugiaro è mollemente adagiato su un candido canovaccio che al confronto una modella con le tette di fuori sulla spiaggia di Ipanema o Copacabana risulterebbe meno invitante e sexy.
Ovviamente, come tutti o quasi gli essere umani, anche i food blogger ogni tanto escono dalla cucina ed entrano in camera da letto per un rendez-vous in fine ligerie di seta (le seconde) o per una sveltina sulla lavatrice (le prime) per riprodursi.
E quando rimangono incinta (oh che volgarità!) mentre le donne normali sboccano per i primi tre mesi (e a volte anche dopo) ogni molecola di cibo che hanno introdotto nel corpo, maledicendo in un colpo solo tutto il cibo del mondo, la natura e ovviamente il compagno; loro, le food chic blogger, non sboccano MAI: hanno solo delle leggerissime e fastidiose nausee che risolvono senza colpo ferire con la marmellatina di rose, cranberries neri del kentucky (comprati in occasione di un voletto low-cost a Strasburgo a soli 30 euro all'etto) e anice stellato (perché, vuoi non mettercelo l'anice stellato?) fatta giusto giusto l'estate prima in previsione del possibile ingallamento.
Arriva poi il tanto atteso giorno del parto e ovviamente mentre le casalinghe di Nocera partoriscono dei bellissimi mascùli di 5,8 Kg tra urla strazianti, le nobili food blogger con 3 libri di cucina all'attivo partoriscono splendide principesse rosa con il metodo finlandese su un seggiolino di kamut con il sottofondo new age di pastori erranti del tibet mentre inviano con l'iphone le foto in autoscatto del parto all'amica.
Infine entrambi i pargoli arrivano a casa, dove: le principesse sono tutte pappa e nanna, espellono ribes e mirtilli e ciucciano latte materno al sapor di viola dall'eburnea mammella mentre la genitrice si gode una tisana di cicoria afgana con le amiche; i campioni cagano l'inferno, urlano alle 4 del mattino facendo incazzare l'operaio albenese del 3° piano e non si attaccano alla tetta neanche con il vinavil.
Ma è sullo svezzamento che le food chic blogger danno il loro massimo, perché le loro principesse non spruzzano le stelline con l'omogeinizzato del discaunt per tutto il soffitto urlando come un macaco incazzato come gli italici virgulti, no, per le loro meraviglie femminee le food blogger preparano una zuppetta fatta con la polpa di una piccola zucca mantovana, sbucciata e tolti i semi, con 4 carote sbucciate, una piccola patata rossa (perché quelle gialle fanno tanto poveraccio) due manciate di lenticchie rosse (che tanto figurati se le nobilbimbe soffrono di coliche da gas intestinali che neanche un litro di milicon potrebbe curare) e un pezzetto di porro (bhè, vuoi non mettere il porro?) e dopo aver frullato il tutto con un bel cucchiaio di mascarpone, i cerbiatti e gli uccellini aggiungono 3 cucchiai di stelline di kamut (ovviamente), un cucchiaino di olio extraverginissimo di oliva e un po’ di parmigiano bio fatto a mano da un pecoraro ottantaduenne di Collecchio e, last but not least, gli spicchi spellati a vivo di un’arancia per dolce; tutta roba che, neanche a dirlo, le dolci fanciulline mangeranno contente e felici a grandi cucchiai senza sporcare neanche la bavetta. Roba che a prepararla una sola volta, il PIL si alza dello 0,2%.
Ora, sarà che io ho due pesti che si spalmavano la pastina come crema di bellezza (il primo) o che la mangiavano solo dondolandosi appesi al lampadario (il secondo), sarà che in frigo il massimo dell'internazionale è la senape della louit frères e la salsa hot messicana o che a me il grana padano del carrefour mi va benissimo, ma ho la netta sensazione che se solo preparassi pedissequamente la zuppa alla zucca mantovana, dopo aver venduto la collanina del battesimo per comprare tutti gli ingredienti, e mi azzardassi a presentargliela, credo non sopravviverei alle durissime rappresaglie e dovrei pure pagare fior di quattrini di psicologo per lo shock infantile procurato, con Tata Lucia che mi prende a calci nel culo, ma io, è noto, non sono un food blogger, ne tantomeno chic.

8 commenti:

LA CONIGLIA ha detto...

UAHAUHAHUAUHUAUAHUAUAHHUAHUAHUAHUAHUA!!!

Ma lo sai che a volte a legger i blog di queste food chic blogger mi vien da chiedermi se sono io così ritardata da non aver il tempo-barra-voglia-barra-soldi-barra-inventiva per pensare certe cose e a volte il coniglio si becca per cena un bel piatto di pasta e chi s'è visto s'è visto? Però riflettendoci bene grazie al tuo post...forse vivon meglio le food blogger che scattano le foto da cellulare vecchio di 10 anni ;)

(non entrare nel mondo delle blogger-designer di arredamenti. Li c'è da chiedersi come facciano a procreare se devon stare dietro a colori di tende, carta da parati e quant'altro per tutta la vita!!!)

Baol ha detto...

No, tu non sei né un food blogger né tantomeno chic...tu sei un fottutissimo genio, amico mio (mi sento sfidato! :D )

Io, al massimo, sono un eat blogger :D

MasterMax ha detto...

@Coniglia: dillo a me che a volte non ho neanche la voglia di passare il tonno dalla scatoletta al piatto e la mangio direttamente dalla scatoletta... ma con una spruzzata di limone che fa tanto chic :)

@Baol: chissà cosa uscirebbe fuori se un giorno, così per diletto, facessimo un concerto a quattro mani per penna e tastiera :)

pOpale ha detto...

:-D
Se vedo un piatto grande e del cibo piccolo mi viene subito la depressione. Se tata Lucia mi incontrasse mi farebbe tornare alla prima elementare ... legato!!!

MasterMax ha detto...

@PopAle: puoi rispondere come un mio amico in un notissimo ristorante nouvello cousine dopo aver mangiato l'unico raviolo presente nel piatto ovvero: "Scusi, può dire al cuoco che il raviolo è al dente e che può scolare la pasta per il mio piatto che avrei un po' di fame?"

Raccontango ha detto...

Hahahhaahha! Anch'io leggo vari food blog, e QUANTO HAI RAGIONE! ;) Ora ti posto sulla pagina della mia personale amica food blogger e vediamo che mi dice. :D

Andrea ha detto...

Caro MasterMax, dopo un tempo quasi infinito mi rifaccio vivo. Il vecchio blog l'ho chiuso ma ne ho aperto uno nuovo -costola di una ex-pagina Facebook- in cui racconto gli intrugli che cucino e propino a destra e a manca.
Cade perciò a fagiuolo questo tuo intervento, come al solito piccante, che mi regala l'occasione di invitarti ad aggiungere al tuo Google Reader anche quelle quattro menate che posto su andreacucina.blogspot.it
Ecco: lì se vorrai potrai trovare il gusto del vero stare a tavola senza troppi fronzoli e senza virtuosismi che alla fin fine nessuno mette in pratica. Sto cercando di fare una guida pratica, rustica, semplice per cucinare pietanze gustose ma leggere.... Basta! Se hai voglia -e sopratutto se ti ricordi vagamente di me- dacci un occhio, che mi fa piacere!
Complimenti per il tuo solito talento di intrattenitore pungente e accorto.
Andrea

cooksappe ha detto...

ma lol